La Parola della Domenica

Pubblicato giorno 6 settembre 2019 - Commento al Vangelo della Domenica, In home page

SONY DSC

22 Settembre 2019.

“Non potete servire Dio e la ricchezza” dice oggi Gesù, soprattutto quando questo defrauda e umilia il povero, come ci dice il profeta Amos: “Ascoltate questo voi che calpestate il povero e sterminate gli umili… aumentando il siclo e usando bilance false, per comprare con denaro gli indigenti e il povero per un paio di sandali”. Nell’Evangelii Gaudium Papa Francesco ci dice che la cultura del benessere ci anestetizza , alla sua origine c’è la negazione del primato dell’uomo che viene sostituito dal Dio denaro: “No a un denaro che governa invece di servire!… il Papa ama tutti, ma ha l’obbligo, in nome di Cristo, di ricordare che i ricchi devono aiutare i poveri, rispettarli e promuoverli!” (E.G. 57-58). Gesù, nella parabola dell’amministratore infedele loda la scaltrezza di questo amministratore, non perché sia un esempio da imitare, ma perché usa i soldi per garantirsi un futuro che gli sarà dato da coloro che ha aiutato. Gesù loda l’amministratore della parabola, certo non per la sua disonestà, ma per aver intuito quale è il vero fondamento della vita che sta nella relazione con Dio e con gli altri. La ricchezza, normalmente, è disonesta, poiché ci illude e falsa i rapporti tra gli uomini. È necessario non renderla più importante del fratello, in modo particolare quando egli è povero. Ma soprattutto è importante non metterla al posto di Dio, perché, a questo punto, diventa un idolo che paralizza tutte le nostre relazioni. Per questo Gesù dice che non si possono servire contemporaneamente due padroni: se la ricchezza diventa il nostro padrone, non c’è posto per Dio. S. Paolo, nella lettera a Timoteo, ci invita alla preghiera per tutti gli uomini, perché tutti siano salvati e giungano alla conoscenza della verità: “Voglio dunque che in ogni luogo, gli uomini preghino, alzando al cielo mani pure, senza collera e senza contese”.

 

Buona Domenica           Don Luciano

SCARICA IL PDF DELLA PAROLA  DELLA  DOMENICA 22 Settembre 2019

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)